La scuola è iniziata.
Sono ricominciati i pomeriggi passati chiusa in studio, immersa nei libri, a studiare le guerre puniche, i Promessi Sposi e i nuovi vocaboli di inglese e francese. Purtroppo, non trovo più il tempo per combinare guai in cucina ( per la gioia di mia mamma che non deve più pulire quello che, con il mio disordine, rimane in terra, quando sto ai fornelli). Però a me dispiace un po', anche perché mi sono affezionata al profumino che esce dal forno ogni volta che provo a cimentarmi nella pasticceria, o allo scoppiettio della cipolla, quando soffrigge; e che ora posso sentire così raramente. Perciò mi sono preposta di non sprecare più tempo senza fare niente, e di cercare ogni attimo di tempo per poter cucinare.
Ecco quindi, che in uno dei primi giorni sui banchi di scuola, visto che avevo delle patate comprate in una cascina, che dicevano solo "cucinami, cucinami", ho deciso di fare gli gnocchi. E devo ammettere che sono venuti proprio buoni, morbidi e gustosi.
Gnocchi (impasto di base):
- 1 kg patate
- 250-300 g farina
- sale
Lessare le patate fino a quando non sono belle morbide, scolarle e lasciarle intiepidire. Successivamente pelarle della buccia e passarle nello schiacciapatate 8 se si scrive così). Aggiungere alla purea la farina e un cucchiaino di sale e impastare il tutto, fino ad ottenere un impasto morbido, ma compatto, aggiungendo eventualmente un po' di farina. Lavorare porzioni dell'impasto ottenendo delle strisce rotonde con un diametro di circa 2 cm e tagliarle in piccoli pezzetti lunghi circa 3 cm. Per formare le tipiche striscioline degli gnocchi, passarli sull'apposito strumento e porli quindi su una teglia o piatti grandi ben infarinati in modo che gli gnocchi non si attacchino.
Cuocerli in una pentola con acqua salata e, quando vengono a galla, scolarli.
Condirli con un sugo a piacere.
Io ho abbinato un sugo al pomodoro e funghi. Ingredienti: una mezza cipolla piccola, funghi secchi, passata di pomodoro, vino bianco, sale. Soffriggere la cipolla con un po' d'olio, unire i funghi secchi, precedentemente ammollati nell'acqua, e insaporire con una spruzzata di vino bianco e lasciare evaporare. Unire la passata di pomodoro, salare e cuocere per circa 15 minuti.



This entry was posted on 9/18/2008 06:45:00 PM and is filed under . You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

5 commenti:

    mary ha detto...

    Forse sono la prima che entra nel tuo nuovo blog e non è ne un'amica dei tuoi o un'amica tua... arrivo linkando dal blog di "cavoletto" e volevo farti i complimenti: per l'iniziativa di fare un blog di cucina a 14 anni e perchè dalle foto che fai le ricette ti vengono veramente bene! Continua così e in bocca al lupo...ghiottone.
    mary

  1. ... on 23/9/08 3:35 PM  
  2. Ari xxx ha detto...

    Quando ho letto il tuo commento mi è spuntato un sorriso immenso di soddisfazione perchè sei la prima persona "sconosciuta" che entra nel mio blog...grazie

  3. ... on 24/9/08 2:48 PM  
  4. mary ha detto...

    ...non c'è di che :-)
    buono studio.

  5. ... on 24/9/08 4:16 PM  
  6. Martha ha detto...

    Anche io! Anche io arrivo dal sito del cavoletto :)

    E... beh, io di anni ne ho 19, ma siamo lì...
    Senti ma tua madre non si lamenta quando cucini? Io con la mia devo lottare per potermi mettere ai fornelli..

    Ad ogni modo, bel fooblog ;)

  7. ... on 29/9/08 10:30 AM  
  8. Ari xxx ha detto...

    Io con la mia neanche tanto, secondo me ormai si è abituata al fatto che ogni volta che mi metto ai fornelli le distruggo la cucina...e non si lamenta neanche più...

    grazie, ciao:)

  9. ... on 29/9/08 5:31 PM