Almeno per adesso che sono in vacanza posso concedermi una colazione in piena regola, tranquilla e magari anche fuori, sul balcone ( purtropponon ho una terrazza, ma che ci posso fare???...) guardando il sole che splende nel cielo e sentendo gli uccellini che cantano. E a me la colazione piace semplice, nutriente e genuina, che ti dia una carica all'inizio della giornata, e senza merendine industriali ma con una bella torta fresca fresca, come quella allo yogurt (fatto l'altro giorno in casa), che è molto semplice e veloce da fare. Come dosatore ho usato un vasetto di yogurt, da riempire fino all'orlo.

Torta allo yogurt:
- un vasetto di yogurt bianco
- tre vasetti di farina
- due vasetti di zucchero
- 1/2 o 2/3 vasetto di olio di mais
- 3 uova
- una bustina di lievito per dolci

 Montare a parte gli albumi. Amalgamare tutti gli ingredienti insieme, compresi i tuorli, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Aggiungere per ultime le chiare e mescolare fino a incorporarle interamente. Nel frattempo imburrare e infarinare una tortiera, versarvi il composto e infornare a 180 gradi per 30 minuti. Lasciare raffreddare la torta, sformarla e servirla da sola ( se si vuole spolverizzata di zucchero a velo ) o accompagnata da togurt a piacere. Spero che la ricetta vi sia piaciuta e buona colazione a tutti!!


Link a questo post
Cosa si può fare quando si è malati? Quando se ti alzi troppo in fretta da letto ti viene da cadere? Beh....si può stare a letto a guardare le Olimpiadi (cosa che faccio per metà giornata),....oppure ci si può consolare con dei soffici panini caldi che ti scaldano la gola quando ne mandi giù un boccone ma ti scaldano anche il cuore, facendoti dimenticare almeno per poco i brutti ricordi..... E' quindi per queste ragioni che stamattina, dopo aver preso la tachipirina (uff...), ho cominciato a impastare il pane...anche perché non avevo proprio voglia di fare i compiti delle vacanze.
Perciò ecco la ricetta:
Panini al grano (dal mio libro del pane acquistato in montagna)
- 500 g farina
- una bustina di lievito secco di birra
- 1 cucchiaino di zucchero
- 270 g di acqua tiepida
- 40 g di olio evo
- 10 g di sale

Porre la farina a fontana, sciogliere il lievito nell'acqua con lo zucchero e metterlo nella cavità della farina a lievitare per 15 minuti. Successivamente spargere il sale sulla farina ai bordi, aggiungere l'olio e impastare il tutto per 10 minuti fino ad ottenere una massa liscia e morbida. Cospargere leggermente di farina l'impasto, incidere una croce nel mezzo, porlo in una ciotola e lasciarlo lievitare per mezz'ora o fino a quando non sia triplicato di volume. Porre l'impasto su un piano di lavoro e tagliarlo in piccole parti. Formare i panini come si preferisce. Volendo si possono spennellare i panini di uovo sbattuto e spargervi sopra semi di sesamo, papavero o girasole, oppure di erba cipollina origano o grana. Io ho aggiunto ad alcune ance delle olive. Porre i panini sulla teglia foderata con carta da forno, spruzzare un po' d'acqua sulla superficie e infornarli a 200 gradi per 20 minuti circa o fino a quando non saranno ben dorati. Dopo i primi cinque minuti aprire il forno per qualche minuto per far uscire il vapore.


Link a questo post
Forse è perchè è così buona con un bell'ovetto sodo o forse solo perchè col pane è la sua morte...beh sta' di fatto che questa bella salsina piace sempre a tutti e ( miracolo) ho ottenuto il consenso di scriverla qui, sul blog...così un'altra bella ricettina si aggiunge all'altra( so che sono poche ma ho appena iniziato).
E invece di dilungarmi su discorsi inutili, scrivo la ricetta, che in realtà era un segreto, ma non importa...

Salsa verde di Papà Paolo ( per bolliti, uova sode o crostini):
1 peperone rosso
1peperone giallo
1peperone veerde
1/3 di gamba di sedano
1/2 cipolla (meglio di Tropea) o uno scalogno
2 carote
una decina di capperi
2 hg di prezzemolo
1 bicchiere di passata di pomodoro
2 o 3 cucchiai di olio EVO
2o 3 cucchiai di aceto
1 cucchiaino di zucchero
sale q.b
Lavare accuratamente le verdure. Nel frullatore Tritare a grana grossa i peperoni, la cipolla o lo scalogno, il prezzemolo, le carote, i capperi e aggiungervi l'olio extra vergina.
A fuoco lento, cuocere il tutto in una casseruola per circa 20 minuti, in seguito aggiungere la passata di pomodoro, il sale, l'aceto e lo zucchero.
Infine cuocere per altri 15-20 minuti, lasciare raffreddare e servire come accompagnamento a uova sode o bollito.
Et voilà una salsa facile e buona ma con un grande difetto: se inizi a mangiarla non smetti più.....
Ari xxx


Link a questo post